Teatro

VI edizione di Danza in Rete Festival Vicenza – Schio fino al 4 maggio

Sesta edizione di Danza in Rete Festival Vicenza – Schio,  sguardo attento sulla danza contemporanea nelle sue molteplici variazioni, che quest’anno è intitolata “Moving Souls”, a significare il continuo creare, l’invenzione, lo sperimentare accanto alla certezza. Danza in Rete 2023

Il Festival è promosso dalla Fondazione Teatro Comunale Città di Vicenza e dalla Fondazione Teatro Civico di Schio, solida unione consolidata, divenuta nel tempo riferimento per le nuove visioni della danza e dei suoi operatori, a livello internazionale.

La manifestazione è in programma in molteplici spazi delle due città dal 25 febbraio al 4 maggio 2023, e ha una missione dichiarata, quella di creare stimoli nuovi, curiosità, occasioni per la crescita di chi la danza la fa e di chi la guarda. Ben 57 appuntamenti, tutti di ottimo livello, 10 settimane di eventi composte oltre che da spettacoli da momenti formativi di masterclass, percorsi di audience development ed engagement, dal consueto ritorno della Dance Well, laboratori, incontri di approfondimento e altro ancora. Un nutritissimo programma che sa già sulla carta coinvolgere e far apprezzare il lavoro organizzativo, davvero tanto.

Il Festival si avvale della direzione artistica di Pier Giacomo Cirella in collaborazione con Loredana Bernardi e Alessandro Bevilacqua ed è riconosciuto, e sostenuto, dl Ministero della Cultura dalla prima edizione, dalla Camera di Commercio di Vicenza, con un proprio contributo, da Viacqua, e da alcune sponsorizzazioni di aziende private legate allo sviluppo sostenibile e crescita del benessere. Due città dunque che presto saranno centri propulsori di danza a tutti gli effetti, grazie anche a esperienze accumulate e a partnership, come Operaestate Festival Veneto e La Piccionaia – Centro di Produzione Teatrale, che offriranno serate-occasioni da seguire con interesse nelle diverse sezioni dello stesso Festival.

Le varie performances si svolgeranno in diversi spazi cittadini per coinvolgere più realtà e allargare l’interesse e l’approccio, come la Sala Maggiore e il Ridotto del Teatro Comunale di Vicenza, il Teatro Astra, il Teatro Civico di Schio, e ancora Spazio Ab23, Teatro Spazio Bixio, foyer del Comunale, e alcuni spazi di interesse culturale come Palazzo Chiericati, Loggia Capitaniato, e Piazzetta Garibaldi, ancora a Schio. L’Artista in Rete in residenza per la durata della manifestazione sarà Roberto Tedesco, per i percorsi di formazione autoriale, mentre altre partnership saranno con lo IUAV dell’Università di Venezia, il Belgrade Dance Festival, la collaborazione con il Beirut Phisical Lab, tutte realtà mirate per una condivisione allargata, mantenendo l’ottimo livello di tradizione e innovazione.

Sosta Palmizi: Esercizi di fantastica – ph Associazione_Mus.e

Molta carne al fuoco insomma, e questo riguarda chiaramente in primis gli artisti che interverranno, davvero numerosi: si va dalla compagnia romana Spellbound, che apre il festival con “L’arte della fuga”, alla Compagnia Abbondanza Bertoni, Fabrizio Favale, Camilla Monga, Annamaria Ajmone, Adriano Bolognino, via via con Philippe Lafeuille, Peeping Tom e ancora (tra gli altri) Collettivo Elevator Bunker, Emanuele Rosa e Maria Focaraccio, Elisabetta e Gennaro Lauro, il Collettivo Jennifer Rosa, Francesca Foscarini, Hamdi Dridi. Interessante la continuazione del percorso-progetto Dance Well, dedicato alle persone con il morbo di Parkinson e non solo, vera altra mission sociale.

Tutto il programma, nei dettagli è sul sito www.festivaldanzainrete.it .

Il pubblico è coinvolto anche nel sostegno alla realizzazione del Festival, e così Danza in Rete potrà essere sostenuto con l’Art Bonus, l’incentivo fiscale previsto dal Ministero della Cultura per favorire il mecenatismo culturale secondo il quale il donatore, azienda o privato, può recuperare in 3 anni il 65% della cifra destinata all’iniziativa: https://www.tcvi.it/it/sostieni-il-tcvi/art-bonus/ . Inoltre, anche per l’edizione 2023, è prevista la possibilità per organizzazioni e privati, di donare dei biglietti alla sezione Off a giovani spettatori con un’operazione di shared gift (dono condiviso), instaurando relazioni nuove e non convenzionali.

Biglietti e abbonamenti per l’edizione 2023 di Danza in Rete Festival_Vicenza – Schio sono in vendita da mercoledì 8 febbraio online (biglietteria@tcvi.it e info@teatrocivicoschio.it e alla biglietteria del Teatro Comunale di Vicenza (consigliato l’appuntamento), anche per gli eventi in programma a Schio.

Altre info ai numeri telefonici 0444-324442 e 0445-525577.

Related posts

Il teatro San Babila

pieru

3^ edizione Festival Lucca Visioni 2023

lara

Teatro Elfo

pieru

lascia un commento