L'Italia

L’Italia resta la terra della revolutio interrupta

L’Italia resta la terra della revolutio interrupta, dove gli aspiranti rivoltosi lanciano sassi, pubblicano febbrili volantini, ammazzano qualche disgraziato assurto a simbolo del momento cercando di colpire quel «cuore dello Stato» che solo dopo i massacri compiuti gli autori scoprono non esiste, essendo l’Italia una gelatina nella quale si possono conficcare coltelli senza mai raggiungere il cuore.
(Vittorio Zucconi)

Related posts

L’Italia non fallirà. La mafia non se lo può permettere

pieru

L’italiano: totalitario in cucina, democratico in Parlamento, cattolico a letto, comunista in fabbrica

pieru

Ci sono tutte le piccole, infinite, innumerevoli città-stato delle quali si compone l’Italia

pieru

lascia un commento