Provincia di Belluno

Provincia di BellunoLa provincia di Belluno è una provincia italiana del Veneto; risulta al contempo la meno popolata (207.894 abitanti) e la più estesa (3.678 km²) della regione.

La provincia occupa il settore settentrionale del Veneto ed è caratterizzata da un territorio prevalentemente montano; la maggior parte dei gruppi dolomitici è compresa all’interno dei suoi confini, per cui può essere ritenuta la provincia delle Dolomiti per eccellenza. Il Piave, che la attraversa da nord a sud, è il principale corso d’acqua.

Secondo l’indagine annuale de Il Sole 24 Ore, la provincia di Belluno si è classificata al primo posto fra le province italiane per qualità della vita nel 2009 migliorando il secondo posto del 2008[2], migliorando altresì la posizione del 2007 che la vedeva comunque al quarto posto.

Il PIL pro capite nominale, secondo dati Unioncamere relativi al 2009, si attesta sui 29 453 €.

Agricoltura
Un tempo l’economia del territorio era basata sull’alpeggio e su una povera agricoltura di montagna. Ora l’agricoltura è poco significativa, se non in ristretti settori d’eccellenza come la coltivazione del fagiolo nell’altipiano di Lamon (Fagiolo di Lamon della Vallata Bellunese, IGP) e la produzione del formaggio Piave (DOP).
La provincia inoltre, può contare su numerosi prodotti tipici derivanti da ciascuna vallata bellunese, un esempio lo sono il miele delle dolomiti, realizzato dai tanti apicoltori della provincia e premiato da numerosi riconoscimenti, il gelato della Val di Zoldo e del longaronese, la patata di Cesiomaggiore, il pastin (piatto a base di carne), e tanti altri ancora.

Industria
Nel Bellunese è sorto uno dei distretti industriali più importanti del Nord-est, quello dell’occhiale, in particolare nelle zone dell’Agordino e del Cadore. Ad Agordo è nata la Luxottica, la più grande azienda manifatturiera di occhiali al mondo. A Longarone sono presenti invece la Marcolin, il Gruppo De Rigo e il maggiore stabilimento della Safilo.
Oltre al settore dell’occhialeria di fondamentale importanza sono i settori della refrigerazione industriale (De Rigo Refrigeration, Costan, Zanussi) e dei sanitari (Ideal Standard, Ceramica Dolomite). Degno di nota è anche il settore lattiero-caseario (Lattebusche).

La provincia di Belluno fa parte del club dei 15, cioè le quindici province italiane più industrializzate secondo questi criteri:

alto reddito (20 000 euro per abitante – primo quartile per l’Italia);
contributo dell’industria (comprese costruzioni) al valore aggiunto superiore al 35% – la UE 25 ha una media del 29% (Italia 28%) ed individua la soglia dei territori industriali al 30%;
quota dell’occupazione industriale superiore al 40% – la UE 25 ha una media del 27% (Italia 31%).
Smentendo così la nomea di provincia povera ed arretrata tecnologicamente.

Turismo
Uno dei settori più importanti per l’economia è il turismo: la provincia può vantare alcune delle stazioni turistiche montane più note a livello nazionale, tra cui Cortina d’Ampezzo, lo SkiCivetta con Selva di Cadore, Alleghe e Zoldo Alto, Auronzo di Cadore, Falcade, Arabba, Marmolada, Sappada, Alpe del Nevegal, Forcella Aurine e in generale le zone del Cadore e dell’Agordino.

Parla alla tua mente

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, per le statistiche e per offrire pubblicità in linea con i tuoi gusti. Proseguendo nella navigazione o premendo il pulsante "Ok" accetti di ricevere cookie sul tuo dispositivo maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi