Provincia di Livorno

Provincia di LivornoIl territorio della provincia era frequentato già nel paleolitico (strumenti in pietra scheggiata e attività di caccia e raccolta) e nel neolitico, con i primi insediamenti stabili e l’inizio delle attività agricole e dei primi scambi commerciali, legati alla fabbricazione di manufatti in ossidiana, proveniente dalla Sardegna e dalle isole Lipari.

Nell’età del bronzo il territorio si popola, sfruttando le risorse agricole e minerarie e nell’età del ferro l’aggregazione di villaggi sparsi origina i primi centri urbani, tra cui Populonia.

Con gli Etruschi i territori che costituiscono l’attuale provincia sono suddivisi tra l’influenza delle città di Populonia, Pisa e Volterra: il controllo delle risorse agricole e minerarie e dei commerci accresce la ricchezza dei ceti dominanti aristocratici, che lasciano tombe con ricchi corredi e residenze principesche.

Il commercio marittimo si avvale di una rete di porti e approdi, tra i quali Populonia, da cui transitano i prodotti delle miniere di ferro dell’isola d’Elba: altri approdi sono dislocati alle foci di fiumi e torrenti, come Vada, e al promontorio di Castiglioncello. Il commercio permette anche l’importazione di oggetti di lusso, soprattutto di provenienza orientale, che vanno ad arricchire le dimore e le sepolture della classe dirigente.

Dopo la conquista romana, a partire dal II secolo a.C. le zone costiere pianeggianti si popolano di ville. Alla produzione agricola si affianca quella delle saline costiere e delle fornaci che fabbricano anfore, dolii e laterizi.

I porti di Populonia e Vada (Vada Volaterrana per i Romani) proseguono le proprie attività commerciali e ad essi si aggiunge il Portus Pisanus, in una laguna ora interrata, attualmente alla periferia nord di Livorno. Il sistema stradale etrusco, ereditato dai Romani, viene incrementato con la costruzione della via Aurelia.

Dopo la fine dell’impero romano, il territorio della provincia è segnato dalle devastazioni della guerra greco-gotica (535-553) e alla fine del VI secolo viene conquistato dai Longobardi. Nel corso del medioevo le città di Pisa e Volterra vi insediano una rete di postazioni fortificate, che garantiscono il controllo delle risorse minerarie.

Successivamente, per lungo tempo, risulta divisa tra più entità statali. Intorno all’anno 1000 fu creato, intorno al grande porto di Pisa, il “Piviere del Piano del Porto Pisano”, giurisdizione amministrativa della Repubblica marinara che arrivava fino a Montenero e governata da un proprio capitano. Con la sconfitta di Pisa la zona livornese cade in parte sotto la potestà di Genova che vi costituì un vicariato dallo Stagno fino alle colline della Valle Benedetta e a sud fino al torrente Chioma (1408-1426). La zona passata sotto la sovranità di Firenze diviene un distretto territoriale annesso direttamente al contado fiorentino e quindi autonomo da Pisa.

Da allora la città di Livorno seguì una sua storia particolare (data anche la sua condizione di porto franco). Il Capitanato Nuovo della Città e Porto di Livorno, istituito nel 1606, comprendeva anche alcuni territori extra cittadini: esso si estendeva sui territori limitrofi a Stagno, Collesalvetti, Crespina e Lorenzana, per ricongiungersi al mare attraverso il fiume Fine. Vada e la Maremma a sud rimanevano sotto la giurisdizione amministrativa della provincia pisana. Mentre Crespina e Lorenzana, in seguito erette a feudo dal granduca di Toscana, divennero distaccate dalla giurisdizione di Livorno.

Invece, Piombino e gran parte dell’Isola d’Elba se in un primo tempo erano sotto Pisa, divennero autonome a partire dal XIV secolo e fino al Congresso di Vienna, dapprima come signoria (Signoria di Piombino), quindi come principato (Principato di Piombino); Porto Azzurro, al tempo “Porto Longone”, era un territorio dello Stato dei Presidii; l’Isola di Capraia era sotto Genova.

Nel 1776, con la riforma della Comunità della Provincia Pisana, furono istituite le cancellerie di Pisa, Vicopisano, Lari e Peccioli. Il granduca Pietro Leopoldo, nel tentativo di arginare la grande autonomia di cui godeva il porto franco di Livorno, decretò che i territori livornesi fossero aggregati alla Cancelleria di Lari e ripartiti tra le comunità di Rosignano Marittimo e Fauglia (che comprendeva Crespina, Castell’Anselmo, Nugola, Gabbro, Parrana e Luciana). Questo malgrado alcuni anni prima la città labronica fosse stata dotata, unico centro del Granducato assieme a Firenze, di un tribunale con cancellieri e sottocancellieri, civili e criminali.

Il periodo napoleonico unificò quasi tutta l’attuale provincia, oltre ai territori oggi in provincia di Pisa, e altre estese zone dell’entroterra, sotto il vasto “Dipartimento del Mediterraneo” di cui Livorno era capoluogo; restarono esclusi il principato di Piombino, posto insieme a Lucca sotto il controllo della sorella di Napoleone, Elisa Baciocchi che creò un’unica entità amministrativa ovvero il Principato di Lucca e Piombino.

La Restaurazione del congresso di Vienna cancellò l’autonomia di Piombino e Porto Longone e ripristinò la situazione amministrativa prima di Napoleone. Nel 1848 il Granducato era suddiviso in sette compartimenti (sostanzialmente equiparabili a province) e i governi di Livorno (comprendente il solo comune) e dell’isola d’Elba. Nel 1851 al governatorato di Livorno venne unito quello dell’Elba. Grazie al suo particolare status di porto franco, Livorno godeva di poteri eccezionali rispetto agli altri dipartimenti del Granducato: ad esempio il governatore era il punto di riferimento dell’organizzazione sanitaria e militare, conservava competenze diplomatiche con i consoli toscani nei porti esteri ecc.

La trasformazione del Governo di Livorno in prefettura sancì la fine di questi privilegi; come contropartita fu richiesto di dotare Livorno di una provincia di dimensioni adeguate al suo rango e all’importanza economica della città, di dimensioni paragonabili, pertanto, a quelle delle altre città. Per questo, sin dagli anni sessanta del XIX secolo furono avanzate alcune proposte per inglobare ad esempio i territori di Rosignano Marittimo e parte di quello di Lari; in realtà il territorio restò limitato al solo comune capoluogo e alle isole d’Elba, Gorgona, Pianosa e Montecristo.

L’armoriale della Provincia di Livorno fu concesso con Regio Decreto nel 1902, proprio nel periodo in cui la provincia era costituita dai soli territori del Comune di Livorno e dell’isola d’Elba. È per questo motivo che esso è costituito dall’armoriale della città di Livorno sormontato dalla bandiera dell’Elba, rappresentando così tutto l’allora territorio provinciale.

Solo nel 1925, per interessamento diretto del gerarca fascista Costanzo Ciano (livornese di nascita) la piccolissima provincia labronica, raccolta attorno ad una città che contava allora oltre 100.000 abitanti, fu ingrandita con il comune di Capraia Isola (tolto alla provincia di Genova) e con quelli di Bibbona, Campiglia Marittima, Castagneto Carducci, Cecina, Collesalvetti, Piombino, Rosignano Marittimo, Sassetta e Suvereto, tolti alla provincia di Pisa. In tale occasione venne anche istituito il terzo circondario, con capoluogo Piombino.

Nel 1938 fu distaccato un piccolo lembo di territorio dal comune di Cecina, a cui era stata assegnata per un errore amministrativo, ed assegnata al comune di Castellina Marittima, facente parte della provincia di Pisa. Nel 1970 il comune di Piombino cedette una piccola porzione del suo territorio al comune di Follonica, facente parte della provincia di Grosseto.

Parla alla tua mente

*

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, per le statistiche e per offrire pubblicità in linea con i tuoi gusti. Proseguendo nella navigazione o premendo il pulsante "Ok" accetti di ricevere cookie sul tuo dispositivo maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi