Rocco Nigro e Rachele Andrioli presentano Malìe alla Feltrinelli di Lecce

 Rocco Nigro e Rachele Andrioli presentano Malìe alla Feltrinelli di LecceLa cantante e il fisarmonicista presentano Malìe, nuovo progetto discografico prodotto artisticamente da Gabriele Rampino ed Eraldo Martucci per Fonosfere, collana editoriale dell’etichetta salentina Dodicilune e distribuito da IRD

Lunedì 16 giugno (ore 19 – ingresso gratuito) la libreria Feltrinelli in via Templari a Lecce ospita un incontro di presentazione di Malìe, nuovo progetto discografico della cantante Rachele Andrioli e del fisarmonicista Rocco Nigro, appena uscito per Fonosfere, collana editoriale dell’etichetta salentina Dodicilune e distribuito da IRD. All’incontro, con i due musicisti, parteciperanno anche  Gabriele Rampino ed Eraldo Martucci, produttori artistici del cd.

Nove brani (quattro tradizionali e cinque inediti) che ospitano Valerio Daniele (chitarra), Redi Hasa (violoncello), Francesco Massaro (sax baritono), Vito de Lorenzi (percussioni), Enza Pagliara (voce) e Mauro Semeraro (mandolino), Lidia e Arianna Andrioli, Franca, Ada, Rosaria e Mimina Gaballo (voce e mani).

Intanto è online su Youtube il videoclip del primo singolo estratto dall’album. Nel brano Malìa, composto dai due musicisti, la stessa cellula musicale si sviluppa in armonia con la voce, quasi per immaginare una sorta d’incantesimo. Il videoclip è firmato dal regista Gianni De Blasi. “Ho cercato di restituire l’immaginario magico del brano suggerito dalla straordinaria arte di Rachele e Rocco. L’idea di partenza è stata quella di muovere la macchina da presa attorno ai musicisti per rappresentare la circolarità del tempo”, sottolinea il regista. “La seconda idea è quella di rendere il tempo protagonista in quanto elemento “trasformante”. Ad ogni giro cambia soggetto, protagonista, ambiente. Il ballo dei bimbi e il loro rincorrersi fanno parte del passaggio dall’innocenza all’esperienza che poi lascerà spazio all’ultima trasformazione: Quella del vuoto dentro il quale persiste ancora il tempo”.

“Il disco è un percorso sui luoghi ancestrali e mitici della cultura vocale, sui tòpoi del Salento e della Puglia primitivi, sulla tradizione vocale che muove in transizione verso suggestioni nuove e che si collega idealmente al Fado portoghese, ma anche allo stornello romano”, sottolinea Eraldo Martucci nell’introduzione a Malìe. “La fascinazione del primo elemento strumentale, la voce, e della sua capacità di trasmettere oralmente tradizioni, dinamiche, favole, sogni. La centralità dell’elemento vocale impone di spogliarsi da ogni orpello, alla ricerca di una essenzialità primigenia: in tal senso la voce lega con i mantici di una fisarmonica, in pochi contrappunti con altri strumenti, dove la dimensione del duo prevale su scelte forse più ricche ma meno vere. Rachele Andrioli, con la sua eccezionale ricchezza timbrica e con un’espressività mai ostentata ed affidata sempre al canto, percorre i luoghi rurali della sua terra non nascondendo le sue influenze bizantine, richiamando il senso della musica come espressione di socialità”, continua il critico. “Musica cioè nella quale l’uso della voce come nenia funebre, come accompagnamento di cerimonie, nascite, matrimoni, preghiere torna ad esprimere la propria centralità, affiancata in questo caso dalla fisarmonica straordinaria di Rocco Nigro. Una musica che dunque va oltre l’intrattenimento per diventare piuttosto potere visionario e vibrante, e con immaginazioni interiori più potenti, come testimonianza appunto di quella dimensione ancestrale che vive ancora oggi. Una musica dalla natura comunicativa più profonda, nascosta e che rivela il suo ruolo essenziale come archetipo di tutti i nostri comportamenti. Il duo, formula mutuata dalla musica colta ma perfettamente attinente anche a quella popolare, muove da esperienza radicata in più di un triennio sul territorio, fino ad arrivare ad un franco successo di pubblico anche oltre il territorio. Forti di tali esperienze sul campo, i due musicisti riescono a creare unisono tra il respiro della voce e quello del mantice della fisarmonica che la sostiene, in un gioco fascinoso di … malìe”.

Dodicilune è attiva dal 1996 e riconosciuta dal Jazzit Award tra le prime tre etichette discografiche italiane (dati 2010/2013). Dispone di un catalogo di oltre 150 produzioni di artisti italiani e stranieri, ed è distribuita in Italia e all’estero da IRD presso 400 punti vendita tra negozi di dischi, Feltrinelli, Fnac, Ricordi, Messaggerie, Melbookstore. I dischi Dodicilune possono essere acquistati anche online (Amazon, Ibs, LaFeltrinelli, Jazzos) o scaricati in formato liquido su 56 tra le maggiori piattaforme del mondo (iTunes, Napster, Fnacmusic, Virginmega, Deezer, eMusic, RossoAlice, LastFm, Amazon, etc). Info su www.dodiciluneshop.it

Per ascoltare il disco in anteprima www.ijm.it
Dodicilune è anche su Youtube e Facebook

Speak Your Mind

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, per le statistiche e per offrire pubblicità in linea con i tuoi gusti. Proseguendo nella navigazione o premendo il pulsante "Ok" accetti di ricevere cookie sul tuo dispositivo maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi