Firenze

FirenzeLuoghi fiorentini

Grotta di Mosè
Il superbo cortile di Palazzo Pitti è chiuso su tre lati dal palazzo stesso e, sul quarto, da una loggia. Questa loggia si apre nella "Grotta di Mosè", in cui si trova la colossale statua di Mosè, ed è sormontata da una terrazza adorna dalla graziosa Fontana del carciofo, adorna di varie statue di divinità greche, tra cui il curioso monumento ad una mula. Chi era questa mula? Semplicemente la mula che aveva prestato il suo umile, ma prezioso aiuto, durante i lavori di costruzione del cortile del Palazzo Pitti.

Monumento all’Indiano
In fondo al Parco delle Cascine, su di un piazzaletto a picco sull’Arno, si eleva il curioso Monumento all’Indiano, statua forgiata in bronzo, costituita da una cupola a pagoda con sotto il busto, variopinto, del marajà di Kolepoor, che in visita a Firenze, appena ventenne vi morì nel 1800.

Palazzo Antinori
Si trova nell’omonima piazza al numero civico, 3. La sua costruzione fu commissionata, intorno al 1460, a Giuliano da Maiano da Giovanni Boni, ricchissimo membro dell’Arte del Cambio. Oggi gli ambienti del Palazzo Antinori non sono visitabili ad eccezione del cortile da cui si accede alla cantinetta, dove è possibile degustare e anche acquistare ottimi vini.

La Pioggia di Folon
Sulle note della colonna sonora del film "La vita è bella" di Nicola Piovani, il vicesindaco di Firenze, Giuseppe Matulli, ha azionato la gru che ha sollevato il telo bianco che nascondeva la statua di Jean Folon "La Pioggia". Pochi istanti dopo, l’acqua ha animato la statua e qualche spruzzo, complice il vento, ha anche raggiunto le tante persone che erano intervenute all’inaugurazione. La statua di bronzo, alta circa tre metri, rappresenta un uomo che si ripara con un ombrello fatto di pioggia. Il monumento, in occasione del primo anno di vita del nuovo Saschall, è stato collocato proprio nella rotonda antistante il teatro, sul Lungarno Aldo Moro. Si tratta di una sistemazione provvisoria richiesta dai proprietari del Saschall e da una petizione firmata da 1458 persone. Infatti la sede definitiva, come emerso dal sondaggio, sarà la nuova piazza pedonalizzata alla Fortezza da Basso prevista per la primavera del 2004.

Palagio di Parte Guelfa
Il Palagio di Parte Guelfa, situato nell’omonima piazza, fu sede del quartier generale della parte Guelfa nei terribili anni di scontri con i Ghibellini. La costruzione originale, del 18° secolo, venne modificata nel corso degli anni. Parteciparono al suo rifacimento Brunelleschi e Vasari e la lunetta sulla porta raffigurante la Madonna con il bambino è opera di Luca della Robbia, iniziatore della dinastia di raffinati ceramisti.

Parla alla tua mente

*

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, per le statistiche e per offrire pubblicità in linea con i tuoi gusti. Proseguendo nella navigazione o premendo il pulsante "Ok" accetti di ricevere cookie sul tuo dispositivo maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi